La proposizione oggettiva/soggettiva

La proposizione oggettiva

La proposizione oggettiva è una subordinata che sostituisce un complemento (complemento di specificazione – genitivo, complemento di termine – dativo oppure complemento oggetto diretto – accusativo). Risponde alle domande "Di chi/che cosa? – A chi/che cosa? – Chi/Che cosa?" (Wessen/Wem/Wen/Was?)

Esempio:
Er ist sich bewusst, dass seine Tat Konsequenzen hat. È consapevole del fatto che la sua azione avrà delle conseguenze. (L'azione di chi avrà delle conseguenze?)
(Wessen ist er sich bewusst? – compl. oggetto di specificazione)
Ich helfe, wem ich will. Aiuto chi voglio io. (A chi aiuto?)
(Wem/Was helfe ich? – complemento oggetto indiretto)
Ich sehe nicht, wer da kommt. Non vedo chi sta arrivando. (Non vedo che cosa?)
(Wen/Was sehe ich nicht? – complemento oggetto diretto)
Ich wollte, dass er bleibt. Volevo/Avrei voluto che restasse. (Che cosa volevo/avrei voluto?)
(Was wollte ich? – complemento oggetto diretto)

La proposizione soggettiva

La proposizione soggettiva è una subordinata che sostituisce il soggetto della frase. Essa risponde alla domanda "Chi/Che cosa?" (Wer/Was?)

Esempio:
Wer fleißig lernt, wird belohnt. Chi si applica nello studio sarà ricompensato. (Chi/Che cosa sarà ricompensato?)
(Wer/Was wird belohnt?)
Es ist doch klar, dass ich dir helfe. È chiaro che ti aiuto. (Chi/Che cosa è chiaro?)
(Wer/Was ist klar?)