La proposizione relativa

Introduzione

La proposizione relativa ci aiuta a fornire ulteriori informazioni senza iniziare una nuova frase. In tedesco la relativa si separa dalla principale con una virgola.

Beispiel

Das sind die Freunde, mit denen ich viel Zeit verbringe. Bodo, den ich schon ewig kenne, ist sehr lustig. Toni, der eine Brille trägt, geht in meine Klasse. Linda, deren Lächeln bezaubernd ist, kann toll tanzen.

Quando si usa?

La proposizione relativa contiene informazioni aggiuntive sul nome o sul pronome della principale. Di solito essa segue direttamente la parola a cui si riferisce – la troviamo quindi o alla fine o al centro della proposizione principale.

Nominativo:
Toni, der eine Brille trägt, geht in meine Klasse. Toni, quello che porta gli occhiali, è nella mia classe.
(Toni trägt eine Brille. – Wer?) Toni porta gli occhiali. – Chi?
Genitivo:
Linda, deren Lächeln bezaubernd ist, kann toll tanzen. Linda, il cui sorriso è incantevole, balla benissimo.
(Lindas Lächeln ist bezaubernd. – Wessen Lächeln?) Il sorriso di Linda è incantevole. – Il sorriso di chi?
Dativo:
Das sind die Freunde, mit denen ich viel Zeit verbringe. Questi sono gli amici con i quali trascorro molto tempo.
(Mit den Freunden verbringe ich viel Zeit. – Mit wem?) Trascorro molto tempo con gli amici. – Con chi?
Accusativo:
Bodo, den ich schon ewig kenne, ist sehr lustig. Bodo, che conosco da un'eternità, è molto divertente.
(Bodo kenne ich schon ewig. – Wen?) Conosco Bodo da un'eternità. – Chi?

Come si forma?

La proposizione relativa viene introdotta da un pronome relativo o da un avverbio relativo.

Il pronome relativo

I pronomi relativi si flettono, cioè si adattatano in genere e numero al nome a cui si riferiscono.

nominativogenitivodativoaccusativo
maschile (m) der/welcher dessen dem/welchem den/welchen
femminile (f) die/welche deren der/welcher die/welche
neutro (n) das/welches dessen dem/welchem das/welches
plurale (pl) die/welche deren denen/welchen die/welche

La scelta del caso da utilizzare dipende dal pronome relativo, a seconda se esso introduca un soggetto o un complemento oggetto. Nota però che spesso va impegato un caso diverso da quello della proposizione principale.

Esempio:
Bodo, den ich schon ewig kenne, ist sehr lustig. Bodo, che conosco da un eternità, è molto divertente.

Bodo ist sehr lustig. (Chi è molto divertente? – Nominativo nella prop. principale)
Bodo kenne ich schon ewig. ((A) chi? – Accusativo nella prop. relativa)

Impiego dei pronomi relativi

Nella lingua parlata si utilizzano normalmente i pronomi relativi der/die/das. Decidiamo invece di utilizzare welcher/welche/welches quando vogliamo evitare la ripetezione di una parola.

Esempio:
Das ist die Frau, die die Post austrägt. Questa è la signora che consegna la posta.
meglio:
Das ist die Frau, welche die Post austrägt. Questa è la signora che consegna la posta.

Il pronome relativo può essere preceduto da una preposizione.

Esempio:
Das sind die Freunde, mit denen ich viel Zeit verbringe. Questi sono gli amici con i quali trascorro molto tempo.

L'avverbio relativo

Gli avverbi relativi rimangono invariati. Spesso si rifereriscono ad una frase intera. Appartengono a questo gruppo per esempio: wo, womit, wofür, worüber.

Esempio:
Ich warte dort, wo wir uns immer treffen. Aspetto lì dove sempre ci incontriamo.
Dann geschah etwas, womit ich nicht gerechnet hatte. Poi successe qualcosa che non mi aspettavo.
Christian unterstützte mich, wofür ich ihm sehr dankbar bin. Christian mi appoggiò per ciò gli sono molto grato/a.
Sybille besuchte uns, worüber wir uns sehr freuten. Sybille ci venne a trovare, il che ci fece molto piacere.